La richiesta di prestazioni assistenziali di qualità e personalizzate è sempre più in aumento; si accresce pertanto anche il livello di competenza e responsabilità dell'infermiere nei confronti della persona assistita; i tempi esigono professionisti preparati, capaci di confrontarsi in équipe multidisciplinari e che sappiano dare garanzie sulle proprie azioni, in quanto consapevoli delle conseguenze che possono derivare dalle loro decisioni e dal modo di condurre gli interventi

Loading...

domenica, agosto 17

Ministro Renato Brunetta:
«Dopo la lotta ai fannulloni è ora di premiare chi merita»



ROMA (16 agosto) Il messaggero


- Lotta ai fannulloni, ma anche premi a chi li merita. Renato Brunetta, ministro per la Funzione pubblica, non si ferma alla dichiarazione di guerra agli scansafatiche: «Come prima fase è stato assolutamente necessario invertire la rotta del lassismo - dice - era una condizione necessaria per poi andare avanti. Ed ora che lo abbiano fatto è necessario motivare i lavoratori». La volontà è quella di redistribuire tra i dipendenti della pubblica amministrazione «il dividendo dell'efficienza»: i risparmi che arrivano nelle casse dello Stato per i risultati della "crociata" contro «lassismo e inefficienze» serviranno a premiare «chi al contrario garantisce ogni giorno, in silenzio e bene, un lavoro di qualità», ha affermato Brunetta. Si apre così la "fase 2": «Avere lavoratori disamorati non serve a nulla - dice il ministro - Bisogna motivare i dipendenti, tutti, e soprattutto quelli più bravi». In arrivo quindi premi legati alla produttività e alla qualità del lavoro «per i dipendenti che lo meritano e che nessuno ha mai ringraziato». È scettico il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni: «Non ho mai visto un datore di lavoro premiare un dipendente meritevole», commenta. Ma Brunetta spiega che non ci sono problemi di fondi: «La Finanziaria già contiene risorse per il rinnovo contrattuale e per la contrattazione di secondo livello, ed in più c'è il dividendo dell'efficienza che ritorna all'interno dell'amministrazione pubblica - garantisce - Quanto più rientra nelle casse della pubblica amministrazione per i risparmi legati agli effetti della lotta al lassismo, tanto più tornerà in premi ai dipendenti». Le prime misure in questa direzione sono già nella bozza della Legge Finanziaria. Già nel 2009, è previsto, la parte del salario accessorio dei dipendenti pubblici sarà corrisposto «in base alla qualità, produttività e capacità innovativa dela prestazione lavorativa», utilizzando il «tesoretto» dei risparmi che lo Stato realizzerà riorganizzando il lavoro nella pubblica amministrazione.

Nessun commento:

- Traduttore - in tutte le lingue del mondo

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione


Discutiamo... per crescere professionalmente

Lascia un messaggio e risponderò a tutti.