La richiesta di prestazioni assistenziali di qualità e personalizzate è sempre più in aumento; si accresce pertanto anche il livello di competenza e responsabilità dell'infermiere nei confronti della persona assistita; i tempi esigono professionisti preparati, capaci di confrontarsi in équipe multidisciplinari e che sappiano dare garanzie sulle proprie azioni, in quanto consapevoli delle conseguenze che possono derivare dalle loro decisioni e dal modo di condurre gli interventi

Loading...

venerdì, giugno 20

I dieci anni di Cives, infermieri per passione!


Soffierà su 10 candeline il Cives, il Coordinamento degli infermieri volontari promosso dall’Ipasvi per offrire uno strumento organizzativo capace di ottimizzare la disponibilità dei professionisti infermieri per l’intervento nei settori delle maxi-emergenze e della Protezione civile, in Italia e all’estero.Nata nel ’98, l’organizzazione è articolata in nuclei provinciali ed è composta esclusivamente da infermieri iscritti agli Albi Ipasvi. L’idea che nasce con Cives è quella di organizzare lo spirito di solidarietà dei professionisti, costruendo un sistema di intervento volontario che sappia esaltare la competenza e le specializzazioni degli infermieri. Non a caso, Cives dà visibilità agli infermieri che operano in Protezione civile. Oggi, grazie anche ai progressi normativi e all’operato di Cives, molti infermieri sono impiegati in attività di Protezione civile sia all’interno di Cives stesso che in altre associazioni, inseriti come professionisti in emergenze, quando c’è bisogno di personale sanitario qualificato.All’inizio, Cives nasce con una ventina di nuclei sparsi lungo lo stivale e muove i primi passi tra difficoltà (affrontando un farraginoso iter burocratico per accreditarsi) e problemi economici (non essendo iscritta nei registri del volontariato, le viene impedito di accedere ai sovvenzionamenti statali). Molti nuclei chiudono, ma c’è chi tiene duro e, con le esercitazioni di Protezione civile, arrivano anche i primi riconoscimenti istituzionali. Anche autotassandosi, alcuni nuclei acquistano delle divise e sempre più numerose sono le manifestazioni a cui Cives prende parte. Oggi, gli infermieri del Cives sono 300.Tra le esperienze più significative il primo corso di formazione in Infermieristica nelle catastrofi e maxi emergenze. In agenda, invece, la preparazione del Secondo Congresso nazionale, il 3 e 4 ottobre 2008 a Montichiari (Bs) in cui si discuterà di Soccorso integrato: scenari e sinergie.

Per informazionitel. 348. 0784004, tutti i giorni (ore 16.30-18.30).

Nessun commento:

- Traduttore - in tutte le lingue del mondo

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione


Discutiamo... per crescere professionalmente

Lascia un messaggio e risponderò a tutti.