La richiesta di prestazioni assistenziali di qualità e personalizzate è sempre più in aumento; si accresce pertanto anche il livello di competenza e responsabilità dell'infermiere nei confronti della persona assistita; i tempi esigono professionisti preparati, capaci di confrontarsi in équipe multidisciplinari e che sappiano dare garanzie sulle proprie azioni, in quanto consapevoli delle conseguenze che possono derivare dalle loro decisioni e dal modo di condurre gli interventi

Loading...

sabato, marzo 29




INFERMIERI:
IPASVI PROPONE CARTELLA SPECIALE PER MISURARE CARICO LAVORO

Image Hosted by ImageShack.us

Roma,
Una 'cartella infermieristica' da compilare al momento del ricovero del paziente, con l'obiettivo di misurare il reale fabbisogno di infermieri e il loro carico di lavoro, a seconda della complessità assistenziale di ogni degente. E' una delle proposte lanciate oggi dalla II Conferenza nazionale Ipasvi (Infermieri professionali assistenti sanitari vigilatrici d'infanzia), in corso a Bologna. Un appuntamento che si propone di individuare le strategie più efficaci per rispondere alle esigenze dei pazienti, e per organizzare al meglio l'assistenza sanitaria. Non a caso lo slogan del convegno è 'La sanità italiana puòessere curata anche con le ricette degli infermieri'. Almeno tre le linee di intervento proposte. "Prima di tutto - sottolinea in una nota Annalisa Silvestro, presidente dell'Ipasvi - una nuova organizzazione dell'assistenza ospedaliera basata sul principio della centralità della persona assistita e sulla cooperazione e l'interscambio tra i professionisti sanitari". Gli infermieri propongono infatti una vera e propria 'rivoluzione copernicana', vale a dire il passaggio dal concetto classico di assistenza a un progetto di cura personalizzato, basato sulla collaborazione tra i professionisti. "Occorre un progetto globale di cura - osserva la Silvestro - all'interno del quale gli infermieri sappiano essere propositivi. La crescita e la diversificazione della domanda di salute chiedono a tutti i professionisti sanitari un nuovo modello di approccio al paziente". A questa riorganizzazione si lega il progetto della 'cartella infermieristica', un nuovo modello di rilevazione del fabbisogno di infermieri, basata sulla misurazione delcarico assistenziale necessario per ogni malato. "Attraverso una cartella infermieristica - spiega il presidente Ipasvi - al momento dell'ingresso in ospedale si potrebbe definire l'impegno infermieristico richiesto in relazione alla complessità assistenziale di ogni degente. In questo modo il fabbisogno di infermieri, problema con il quale si confrontano tante realtà ospedaliere e che spesso ricade sulle persone assistite, sarebbe valutato sulla base di esigenze concrete ed effettive". Per l'Ipasvi, vanno inoltre ridisegnate le competenze degli infermieri. "Abbiamo bisogno - aggiunge la Silvestro - di infermieri capaci di impostare processi di assistenza in ospedale centrati sulla persona, ma anche di infermieri capaci di gestire la complessità dell'assistenza sul territorio, ovvero alle fasce deboli della popolazione e alle persone con malattie cronico-degenerative". Infine,gli infermieri propongono la valorizzazione di una nuova figura assistenziale: l'infermiere di famiglia. "Questa figura - conclude la Silvestro - potrebbe migliorare la risposta assistenziale sul territorio, proprio in relazione alle esigenze della cronicità, collaborando con i medici di medicina generale, effettuando le prestazioni infermieristiche a media-bassa complessità e tenendo i contatti con le strutture ospedaliere e quelle territoriali".

1 commento:

Claudia ha detto...

Fare dei semplici complimenti …mi sembra troppo banale ……vorrei trovare le frasi giuste x dirti che………ammiro il tuo impegno, l’amore che trovi per questa professione, la tua continua ricerca per migliorare te stesso e la professione che svolgi……tutto ciò per l’amore di aiutare il prossimo.
Umanità, Professionalità, Formazione, Tecnologia, Comunicazione e la Buona Volontà sono gli “attrezzi” massimi per una professione sanitaria che potrebbero dare una vera QUALITA’ nella Sanità . Tu possiedi questi strumenti ……..sei un vero professionista!
Complimenti!..... Spero in una futura collaborazione, con te, per innovare e migliorare la nostra professione.
Claudia T.
Infermiera
Laurea Magistrale in Economia e Commercio
Master Universitario 2° livello “Statistica nella Sanità”
Ora docente di Statistica Medica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Unimi

- Traduttore - in tutte le lingue del mondo

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione


Discutiamo... per crescere professionalmente

Lascia un messaggio e risponderò a tutti.