La richiesta di prestazioni assistenziali di qualità e personalizzate è sempre più in aumento; si accresce pertanto anche il livello di competenza e responsabilità dell'infermiere nei confronti della persona assistita; i tempi esigono professionisti preparati, capaci di confrontarsi in équipe multidisciplinari e che sappiano dare garanzie sulle proprie azioni, in quanto consapevoli delle conseguenze che possono derivare dalle loro decisioni e dal modo di condurre gli interventi

Loading...

lunedì, giugno 15

Vicenda Facebook: oggi l'infermiera ascoltata dall'Ipasvi

Aveva pubblicato le immagini dei pazienti sul social network
Jennifer Millia, l'infermiera goriziana accusata di aver scaricato su Facebnook foto di malati, sarà ascoltata oggi dal consiglio direttivo dell'Ipasvi. La donna ha dato, al riguardo, la massima disponibilità. «Sul fatto sappiamo finora quel che è stato scritto sui giornali e quanto si è appreso dal tam tam ospedaliero, osserva il presidente provinciale dell'Ipasvi Mario Schiavon, ma è naturale che prima di avviare un procedimento disciplinare (che può comportare sanzioni che vanno dalla censura alla radiazione dall'albo, ndr) si debba sentire la diretta interessata. Il direttivo ha condannato il fatto in sé, poiché sono stati violati principi etici sui quali non si può soprassedere, ma non può condannare la persona prima di essere in possesso di tutti gli elementi sulla vicenda, in merito alla quale è in corso un procedimento da parte della magistratura udinese». La vicenda della pubblicazione su Facebook di alcune foto di pazienti del reparto di terapia intensiva di Udine sarà affrontata giovedì dalla terza Commissione del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia. Lo ha reso noto il vicepresidente della Commissione, Sergio Lupieri (Pd). Ad essere convocata sarà la dirigenza dell'Azienda mista ospedaliero-universitaria Santa Maria della Misericordia. Jennifer Millia, l'infermiera ventinovenne responsabile della pubblicazione delle immagini sul web è indagata dalla Procura della Repubblica di Udine. Sulla vicenda sono inoltre in corso un'indagine interna da parte dell'Azienda ospedaliera udinese e dell'Ordine degli infermieri friulano.

Nessun commento:

- Traduttore - in tutte le lingue del mondo

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione


Discutiamo... per crescere professionalmente

Lascia un messaggio e risponderò a tutti.